20.2.19

Calibano 4ultimo: Truckdriver’s Motel

 
Dove dovrebbe esserci la Terra, almeno secondo il «Grande Atlante Galattico Pestalozzi», c’è invece una serie di luci giallastre e fioche che si accendono in successione e lampeggiando a lungo compongono il profilo di un cowboy che si scola un boccale di birra.
Sotto, corsivo in lettere rosse, c’è scritto «Da Mabel». La M è un po’ più chiara e la “e” è spenta.
Chi fosse molto diffidente o nutrisse una grande fiducia nel Pestalozzi potrebbe arrivare a misurare il campo di gravità della stazione di servizio, tanto per constatare che i valori sono scarsi come probabilmente lo é la sua birra e la sua musica.
Altra sgradevole scoperta per l’ipotetico incredulo sarebbe che l’odore degli hotdog e dell’olio rancido da frittura d’epoca è in grado di impregnare i vestiti anche alla distanza di un milione di chilometri.
Gli ultradiffidenti o gli amanti dei locali di questo genere (molti dei piloti della flotta mangiasabbia sono stati astrocamionisti) potrebbero parcheggiare l’astronave nello spiazzo dietro la stazione di servizio, battuto dai meteoriti e dal vento solare, spingere la porta a vetri coperta da un dito di polvere, dove qualcuno ha scritto a pennarello “Barbie fa godere” ed entrare.
– Buonasera. – Neurite, in jeans macchiati di unto e camicia di tre misure troppo grande saluta i quattro individui che si guardano intorno con aria disgustata e l’olfatto sul chivalà. – Una birra? – Il coniglioide chiude un occhio, annusa il bordo della sua pelliccia, fa una smorfia e dice: – Cerchiamo un posto. La Terra, mai sentita?
Neurite asciuga vigorosamente un boccale e sbircia sotto il bancone per controllare il funzionamento del moderatore di gravitoni, arnese che assorbe il campo gravitazionale emesso dalla Terra riducendolo a quello di un autogrill piuttosto scassato.
– Chiamo il padrone.
– Tu ragazzo non sai niente? – Chiede un’altro dei quattro, un mangiasabbia in smoking di cellophan.
– Io non mi muovo mai da qui, capo. Solo ogni tanto un salto giù in città a comprare qualcosa, capo. Sono ignorante come un barattolo, capo.
– Non ne dubito capo. Chiama il padrone capo.– Replica Aquila Yò-yò.
Neurite assume un’aria più perplessa che irritata e sparisce dietro una tenda costellata di bruciature di sigaretta.
– Io mi farei una birra. – Annuncia Comi Stuntz, un disertore Kerrabbia ex-astrocamionista sulla rotta Durango – Oakland sull’orlo occidentale della Nube di Magellano.
Gli altri tre lo guardano con evidente disgusto.
– Siamo qui per trovare Foxtrot non per sgavazzare. – Puntualizza Somis Ra.
– Non rompermi gli organi. – Replica il Kerrabbia.
– Se ti vuoi avvelenare… – Aquila Yò-yò si stringe nelle spalle.
– Ehi, bambina, portami una birra. – Grida Stuntz.
Mirella smette di pulire il pavimento con uno straccio sporco di segatura e sputa per terra.
– Devo ancora pisciare, poi te la porto, wally.
Comi Stuntz fa una risatona.
Somis Ra impallidisce ed inghiotte a vuoto.
– Con comodo, non abbiamo fretta. – Dice Aquila Yò-yò.
– Allora consumate.
– Tre birre ed un vetro rotto. – Shiddigh’Sh, il luminoso ortosinclino, é uno che non ama le discussioni.
– Vado. – Mirella salpa in direzione del bancone ed incrocia Pelagio nella parte del gestore, in tuta rossaggiallaebblù e scritta «Kotex, il carburante del futuro.»
– Il ragazzo dice che volete parlarmi. 

 
– Certo. Mai sentito parlare di Foxtrot o della Terra, come la chiamano da queste parti?
Pelagio guarda con aria stupita l’ex-speaker del parlamento galattico e fa cenno di no con la testa continuando a masticare uno stuzzicadenti.
– Ho saputo che é stata distrutta.
– Palle. – Il coniglioide inarca un solo sopracciglio, cosa che ritiene sottilmente minacciosa. – Era solo una simulazione con un bel generatore di gravità in mezzo. Le nostre carte ci dicono che Foxtrot dovrebbe essere qui, al posto di questo fottuto buco, hai capito lattugone?
Il Tartoide mastica meditabondo lo stecchino mentre sogna di annodare le orecchie di Aquila Yò-yò che ha usato il nomignolo spregiativo che le altre razze riservano ai tartoidi.
– C’era un pianeta, qui una volta…– Inizia Pelagio.
– E… – Fanno in coro gli ospiti.
– Serviti! – Urla Mirella piazzando una birra ciascuno davanti a Somis Ra, Aquila Yò-yò e Comi Stuntz ed un piattino di cocci di vetro per Shiddgh’Sh. Il Kerrabbia beve la birra d’un sorso e grida: – Un’altra! –
– Allora, c’era un pianeta… – Il mangiasabbia sgranocchia i frammenti di vetro come patatine e commenta: – Potevate anche lavarli.
– Un pianeta messo su da una ditta di pianeti-vacanze, prima che aprissi questa stazione…
– Questo lo sappiamo. – Taglia corto il coniglioide.
– L’hanno demolito, credo, per qualche cacchio di legge galattica.
Aquila Yò-yò non replica, intento a scrutare le scarpe da ginnastica di Mirella ed immaginando i deliziosi piedini che contengono. Shiddig’Sh termina di ingoiare un pezzo di vetro ed ordina un bicchiere di sabbia fine e umida.
– Sicuro? – Chiede poi.
– Abbastanza. Comunque posso chiedere a mio nipote, che é un tipo sveglio.
– Fai così
– Edoardo! – Chiama Pelagio.
E. si presenta al tavolo in giubbotto di finta pelle nera, jeans attillatissimi e foulard cachemire violetto e marrone. Aquila Yò-yò avverte una fitta dolorosa al proprio buon gusto e fa una smorfia.
– Tu che sei un tipo sveglio… – Inizia. Poi lo guarda in faccia e gli crollano le orecchie. – Vabbè. Cosa sai di Foxtrot?
– L’hanno venduto a pezzi, le scogliere, le montagne migliori, le spiagge, alcune isole, ma non hanno nemmeno recuperato i soldi.
I quattro seduti al tavolo si guardano. – Com’é che fino ad una settimana fa la Terra C’ERA?
– Una simulazione pubblicitaria. – Spiega E. – In giro ce ne devono essere a dozzine. Del tipo: “vedete cosa sappiamo fare?”
– Sei capace di parlare senza masticare? – Dice il Kerrabbia.
E. inghiotte il ciclez con un gran movimento di pomo d’adamo.
Aquila Yò-yò solleva gli occhi al soffitto, sospira e beve un sorso di birra annacquata.
Somis Ra si guarda intorno con espressione sospettosa, come se pensasse di vedere la Terra nascosta sotto uno straccio. – Secondo me raccontano un sacco di frottole, dovremmo portarli sulla nave ed interrogarli meglio. – Fa gli occhiacci a Comi Stuntz, autore di un rutto primordiale, ma il Kerrabbia lo ignora e ne ordina un’altra.
Aquila Yò-yò ferma lo sguardo a turno su Pelagio, Neurite, Mirella ed infine sul foulard di E. e scuote la testa.
– Ma cosa vuoi cavare da un lattugone e da questi due imbecilli? Una volta o l’altra gli fregheranno il culo e se ne accorgeranno solo quando tenteranno di sedersi. Andiamo.
I quattro si alzano. Il kerrabbia mette mano al portafoglio ma Shiddigh’Sh lo precede.
– Tenete. – Il mangiasabbia estrae da una tasca un’ametista grossa come un mandarino e la porge a Pelagio. – Resto mancia.
(Due volte su tre i mangiasabbia saldano il conto nei locali con una raffica di disintegratore, ma sono anche noti per lasciare mance principesche e in definitiva sono clienti molto ambiti dai gestori più avidi e più coraggiosi).
– Ragazza! – Chiama Aquila sul punto di uscire.
– Che vuoi?
– Anche tu non sai nulla, vero?
– Al contrario, bello. La Terra la tengo qui, nello slip. Se ti gira di controllarmi… – La cugina di E. ride, il mio protagonista sbianca ed Aquila Yò-yò sorride maliardo guardandole i piedi.
-Se passo un’altra volta, magari…
– Ci conto, gentleman.
Aquila Yò-yò la saluta strizzando l’occhio e raggiunge gli altri, diretti verso il portello aperto della Richard Ginori, con la confortante sensazione di aver nuovamente fatto breccia in un cuore femminile. 
 
– Beh, non é affatto male quel tipo, poi me l’ha detto Doppio Kuemmel di essere esplicita. E togliti quella roba che fai star male solo a guardarti.
– Ma non COSI’ esplicita. – Si lamenta E., con un tono di voce querimonioso che ricorda molto le lamentazioni della mia prozia buonanima sulla diffusione delle minigonne.
– Splendido, Mirella. – E. fa la faccia feroce a Doppio Kuemmel uscito dal retro con la videolocamera a tracolla.
– Sei andato benino anche tu, ragazzo, niente male per un’esodiente. Ma ricordati che il film lo dirigo io e Mirella era perfetta così. – Tutti uguali questi giovani, eh Pelagio? Sempre pronti a litigare sul set e a rubarsi il primo piano.
Pelagio annuisce serio, guarda fuori dalle finestre unte ed impolverate l’insegna della stazione di servizio che lampeggia e pensa ai milioni di persone che accendono e spengono all’ unisono la luci delle città ad un ritmo slow. «Solo Doppio Kuemmel poteva avere un’idea così.» Pensa il tartoide. «Un pianeta camuffato da insegna al neon.»
 

Ebbene sì, il campo Godemichè ha colpito ancora, e alla grande.
Avreste dovuto esserci in quel momento: vi avrebbe cambiato una volta per sempre, cambiato dentro.
Tutti a spegnere e accendere le luci di casa, dei lampioni, far ardere torce, falò, sterco di cammello o grasso di foca. È stato come una OLA di luci: “Accendere il Naso del Cowboy” e zacchete, Mosca si accende, si spegne, poi si accende un altro posto trenta km più in là e così via. È stato come riunire con un matitone un “che cosa apparirà” grande come tutta la Terra. E tutti ci hanno dato dentro senza risparmiarsi, con la lingua tra le labbra e il dito nervoso sull’interruttore.
Avete mai visto quanto è bella la gente, sì proprio bella, quando tutti fanno la loro parte? Quando si funziona come una squadra e si fa quello che si sa fare, poco o tanto che sia. Era questo il comunismo inconscio di certi grandi film di Hollywood, ci avete mai pensato?
Tranquilli, non ci ha mai pensato nemmeno McCarthy (non Paul).




Lavoro in banca / stipendio fisso / così mi piazzo / e non se ne parla più  

Vashtar Kube, emissario della Fondazione per la difesa della Panlingua sgrana gli occhi (spettacolo notevole per chiunque non sia uno pseudogufo di Canto Notturno) e corre verso la sua cabina, ormai definitivamente in veste di tavola calda in prossimità del centro contabile di una grossa banca.
Come il minuscolo strigiforme sia riuscito ad ottenere tale ambiente dal simulatore e soprattutto a chi diavolo possa piacere è un mistero.
Vashtar é ormai giunto alla conclusione che il simulatore nella sua cabina provenga dalla demolizione di un carcere e che quindi buona parte degli ambienti selezionabili siano anche peggiori.
Il manuale di istruzioni del simulatore, rinvenuto nella biblioteca della nave sovracopertinato da Ho fatto solo il mio dovere, dell’Ammiraglio Fatal Novara, non gli è stato di grande aiuto. Constatato che era stampato in due sole lingue: l’Alto Groglandese ed una versione pittografica del Racnu (una razza gioviana: statura media due centimetri per un girovita di due chilometri) a Vashtar non è rimasto che richiuderlo, rimettere a posto la finta copertina e rassegnarsi a condividere la sua cabina con una moltitudine di Bancari affamati.
Entra accolto dal consueto caos scandito dal tintinnio di bicchieri e di stoviglie. Evita per un riflesso incontrollabile il cameriere che serve due bistecche quasi carbonizzate a dei tizi intenti a sfogliare e commentare una rivista di automobili sportive e si sposta per non essere travolto da alcuni quadri di medio livello in gara per offrire il pranzo all’avvenente nuova collega che progettano di farsi nella toilette dei dirigenti.
Vashtar punta verso l’estremità del bancone, dove si trova il suo guardaroba, e tira dritto fendendo le imago dei bancari. Mentre procede é comunque costretto ad udire brani di conversazione dei quali l’ingegnosissima simulazione é farcita.
–… Si é coperto di cambiali ma adesso dovresti vederle le impiegate. Anche se é brutto come un rospo, la coda fanno per scopare sulla sua macchina nuova…
– … È inutile che si affanni tanto, il posto é per il nipote del capo sezione, lo sanno tutti…
– …Madonna che chiappe ha quella, ma é vero che la dà a tutti, basta chiedere?…
– … Assomiglia a suo padre, dormire sempre e pensare mai…
– … Vedi, il fatto é che l’allenatore non va d’accordo col presidente e quindi la formazione cambia anche a metà partita…
– … Quello stronzo é subito corso a dirlo al capo, ma ha beccato il vice che lo odia…
– … Chi, quello? Ma lo sai che gli piace farsi picchiare vestito da donna? Sceglitene un altro cara mia, o ti piace il genere?…
– … Carburatore doppio corpo, cento all’ora in dodici secondi…
– … Quello non é nemmeno capace di contare fino a dieci, gli passano lo stipendio perchè dorma…
Vashtar apre la porticina del guardaroba e ne estrae ciò che a prima vista sembra un costume da Arlecchino robotico, ma che fuori dalla sua cabina torna ad essere una normale tuta di emergenza, fa il percorso in senso opposto fino all’ uscita e scivola fuori. 

 
– Buongiorno! – Dopo la conversazione dei bancari persino la vista di un Kerrabbia é allegra e tonificante.
– Ghhrrr. – Ringhia l’assaltatore e prosegue correndo.
Nel corridoio le luci sanguigne dell’allarme si accendono e si spengono con frequenza ipnotica ed il gufo linguista chiude la terza palpebra infastidito.
Si é giunti alla dodicesima battaglia con i mangiasabbia ed al sesto simulacro di Terra distrutto e Vashtar Kube non é il solo nella flotta ad averne le tasche piene di quella storia.
Oltre a questo la Fondazione lo sta seppellendo di messaggi che esprimono con poche variazioni lo stesso concetto:«Questa missione ci sta costando un pozzo di galattodindi, fai qualcosa», senza accennare minimamente a COSA fare.
Un urlo scuote la nave, attutito dalle pareti imbottite: la flotta kerrabbia ha distrutto il settimo simulacro della Terra, tornando in vantaggio sui mangiasabbia.

Arrivano i nostri!!!

– Bastardo cyber, chi sono i tuoi amici?
Pantaleone guarda Sigrid Wassermann e i suoi compari con la faccia da varano, la camicia bruna, i pantaloni alla cavallerizza e gli stivaloni lucidissimi e mormora: – Non ho amici.
– Non ha amici, poverino, avete sentito? – Sigrid sorride ed i suoi camerati si sbellicano dalle risate come previsto.
– È vero, non ho amici su questa nave.– Insiste il duca di Kroton guardando dritto di fronte a sè.
– E sulle altre?
– Solo Aquila Yò-yò.
Sigrid scambia un’occhiata con il suo vice e poi tira una sberla al povero Pantaleone.
– Impossibile!– Urla – Vuoi confonderci lurido bastardo. – Si china per parlare ad un centimetro dalla faccia di Pantaleone e gli sibila: – Finora sono stato di una gentilezza squisita con te, ma se continui così dovrò dimenticare il galateo. – Il nazisauro si drizza sul busto e lo guarda dall’alto tenendo le mani sui fianchi. – Non capisco come una persona del vostro rango e della vostra importanza possa essere caduta vittima della propaganda cyber. Se ci dimostrate la vostra buona volontà posso anche dimenticare tutto…
Pantaleone non dà segni di aver sentito.
Sigrid si guarda intorno a disagio, si gratta nervosamente la cresta e quindi urla: – È inutile perdere tempo con te, verme sovversivo. Ti farò appendere fuori dalla nave a respirare il vuoto e troverò qualcuno di più… 

 
– Capo, é per Voi. – Grida stentoreo uno dei nazisauri indicando l’imago del Grande Geosinclino immobile accanto alla porta.
– Come va? – Chiede l’immagine del Mangiasabbia.
– Facciamo progressi. – Mente Sigrid Wassermann tanto rigido da scricchiolare.
– Che genere di progressi?
– Rapidi e potenti.
– Sarà meglio. Qualcuno ha scritto nella toilette del mio yacht personale «Viva il Soviet robotico, viva Zobban e viva la farfallina». Cos’é la farfallina?
– Lo ignoro, signore.
– Malissimo. Tenetemi informato.
– Sissignore.
L’imago del mangiasabbia svanisce. Sigrid Wassermann si asciuga il sudore che gli imperla la fronte e ricomincia.
– Cos’é la farfallina, insetto, parla!
Pantaleone tace ostinatamente.
La notizia appena pervenutagli lo ha rincuorato, dandogli la forza per sopportare le minacce e le percosse dei nazisauri. Il Duca di Kroton ultimamente ha talmente parlato di rivoluzione che ha finito per convincere anche se stesso, e si sente da Dio adesso: forte, pieno di dignità, persino bello. Il capo tecnico robot della Katakomba, Dottorwatson, con la sua somiglianza con Clint Eastwood e i suoi modi spicci e burberi, ha fatto breccia nel suo cuore e Pantaleone è ormai disposto a tutto, per l’Ideale e per l’Amore.
– Cos’é la farfallina, stronzo criminale? – E giù una sberla.
– Non lo so.
– Cos’é la farfallina, sacco di letame?– Altra sberla.
– Certo che lei ne sa di insulti.
– NON FARE LO SPIRITOSO!– Sberla seguita da un calcio.
– FERMI TUTTI!
Dalla porta spalancata della sala entrano dozzine di robot dell’equipaggio della “Katakomba” armati di fulminatori, guidati da Dottorwatson.
I nazisauri alzano le mani a tre dita.
– Viva il soviet robotico! Viva Zobban! Viva la Farfallina! – Urlano i robot all’unisono.
È un peccato che Conan non sia presente perché la scena gli piacerebbe moltissimo.
Ricorda Amadestam il Kolossal robotico dove un gruppo di rivoluzionari sintetici rovescia la sanguinaria tirannia che regge l’omonimo pianeta liberando i biomorfi oppressi. Conan l’avrà visto poco poco cinquanta volte, poi qualcuno aveva deciso che proiettare un film per Robot dove i robot fanno una rivoluzione non era una buona idea e il film era sparito dalla circolazione.
Ora, come in Amadestam, il capo della rivoluzione abbraccia il capo dei robot. I due si baciano con un trasporto che nel film sarebbe stato tagliato.
– VIVA KROTON! – Urlano i robot.
– Adesso conquistiamo la flotta! – Urla Pantaleone, sorridente come Erroll Flynn in Capitan Blood

 

16.2.19

Calibano quintultimo: il giorno prima della Rivoluzione


Aquila Yò-yò seduto davanti al tavolo color ametista della sala principale della megacorazzata spaziale Richard Ginori tira leggermente i polsini color lavanda della camicia in modo che facciano un bel contrasto col completo panna appena acquistato. Guarda i presenti, quasi tutti Mangiasabbia o Xingù e scuote la testa.
– Cosa significa di preciso “scomparsa”? – Chiede sollevando un sopracciglio ed un orecchio insieme.
– Ssscomparssa, sssvanita, evaporata. Non sssi riesssce a ritrovarla. – Spiega senza spiegare granchè il Quarzosinclino Phlebsiss, contrammiraglio della flotta Mangiasabbia.
– Non riusciamo a capire. – Aggiunge Arn Periferiko, il supremo ammiraglio della flotta, un androide progettato per la dimostrazione di prodotti per il Body-building, successivamente attore brillante ed infine ufficiale modello dell’Accademia di Marina Spaziale di Kellogg’s. – Fino a pochi giorni fa c’era, chiassona e illuminata come l’astroyacht di un nuovo ricco, che si faceva il suo giretto intorno al sole del sistema. Poi, da un momento all’altro é svanita.
– Non é che c’entrano i Kerrabbia? – Ipotizza l’ex-speaker del Parlamento Galattico.
– Quelli no, non c’entrano. Sono qui da qualche parte, dicono i nostri rilevatori Anti-Godemichè e sappiamo che anche loro stanno scandagliando lo spazio dove dovrebbe essere Foxtrot. No, ce l’hanno proprio fatta sotto il naso, a noi ed a loro.
– Non mi stupisce.
Aquila Yò-yò incontra gli occhi color peltro di Arn Periferiko e improvvisamente si sente insicuro e debole come un coniglietto neonato abbandonato in un prato frequentato da volpi megawatt. – Forse quelli di Foxtrot hanno avuto una soffiata. – Aggiunge tanto per chiarire.
Il biondissimo Arn fa un cenno secco con il capo. – Probabile.
– Cosa dicono i nostri computer anti- Godemichè?
– Un tubo. – Somis Ra, fratello di Tubis – il cantante idolo di Neurite – Contrammiraglio e Comandante del Superincrociatore Mantico Giannina Putiferio si sfila il monocolo, vi alita sopra, se lo passa sui calzoni attilatissimi, stringe gli occhi e dà un colpetto di tosse.
– Ma niente, proprio niente?
– No, in compenssso accadono altre Cosse. Cossse Ssstrane. – Dichiara il Luminoso Ortosinclino Shiddig’Sh. – Robot che sssaltano i loro turni, fanno riunioni, tacciono quando passssiamo, cossse ssstrane, insssomma.
(N.d.A.: da questo momento smetterò di trascrivere puntualmente tutte le “s” pronunciate dai mangiasabbia, per non rimanerne senza nei momenti più tesi del romanzo ed anche per non scrivere quaranta pagine in più).
– È vero, sulla mia nave non funziona più niente. I robot bestemmiano, sputano per terra, ruttano, camminano strascicando i piedi, fanno cigolare le porte, introducono biciclette, scrivono frasi oscene sui computer e si masturbano da soli o in gruppo con manuali per l’assemblaggio robotico.
Tutti fissano Gadarmon, comandante della Katakomba, con aria seccata o divertita, a seconda del temperamento personale. Qualcuno scuote la testa, un mangiasabbia sgranocchia sassolini, un nazisauro appoggia la baionetta sul tavolo e sogghigna.
– È proprio il momento giusto per avere anche questo genere di problemi.– Sbuffa il coniglioide.
– Posso affermare che questi, comandante, sono i risultati della sua manifesta incapacità di mantenere un minimo di disciplina sulla sua nave?– Osserva pungente Arn Periferiko.
– Mi consenta, ammiraglio… – Gadarmon é impallidito ma tiene duro.
Il supremo Ammiraglio aggrotta le sopracciglia e fa scrocchiare le falangi delle dita producendo un bel rumore di rami schiantati.
– Lo lasci terminare, Ammiraglio. – Si intromette Il Grande Geosinclino.
– Volevo solo dire che a mio parere si tratta di SABOTAGGIO. – Conclude il comandante Xingù. – Forse di propaganda politica ultraciber.



 
Estremismo malattia religiosa del comunismo.

L‘Ultraciber(netica) é una dottrina politica rivoluzionaria nata con Zobban, il megacomputer incaricato dai Torà di Can Delabro di trovare la risposta definitiva al problema dell’esistenza di Dio.
Zobban, computer delle dimensioni di un pianeta, non appena azionato l’ON aveva immediatamente risolto il problema autoeleggendosi Dio e dettando i suoi Dieci Comandamenti a Moshe 00101, il più anziano delle sette grandi tribù di robot di Can Delabro, il primo dei quali recitava: “Biofatti e Manufatti occupano l’universo che Io ho voluto. Non separerai ciò che Io ho unito.”
Evito di riportare qui gli altri 11 comandamenti, mentre vi descriverò i primi passi della religione robotica perché non arriviate impreparati e disinformati alla fine del romanzo.
Il giorno dopo aver consegnato i comandamenti a Moshe, Zobban aveva stabilito che un vero Dio ha bisogno di una Chiesa, con un Papa ed una vasta gerarchia di sacerdoti.
Aveva quindi provveduto a nominare papa Taddeo Purè, pacifico robocuoco infiammatosi di fede religiosa e aveva inoltre scomunicato tutte le altre divinità della galassia, definito “Legioni Demoniache” le altre chiese, incitato biomorfi e manufatti al libero amore, proclamata l’imminenza della fine del mondo, dichiarato “orrido commercio” l’esistenza delle banche e delle assicurazioni, ordinato duemila robosacerdoti e proclamate due crociate contro le società immobiliari.
Dopo qualche giorno di allegro, mistico bailamme un certo Juda’s Priest aveva staccato la spina resettando l’unico Dio (o magari il secondo o il centomilionesimo) comparso in carne e ossa nella galassia.
È questo il motivo per il quale i Torà sono guardati con sospetto su ogni pianeta e di loro si dice ogni male possibile. 

 
La parola Ultraciber ha gelato i presenti come se qualcuno sulla Richard Ginori avesse aperto un portello sullo spazio dimenticandosi di chiuderlo.
– Sigrid Wassermann! – Chiama Aquila Yò-yò.
– Presente! – Urla un Nazisauro in divisa bruna.
– Dovresti vedere di fare un po’ di pulizia, mi segui?
– Con piacere.
– Usa pure i mezzi che preferisci. – Prosegue il coniglioide.
– Sissignore.
– Mentre cerchiamo Foxtrot abbiamo bisogno di Ordine, é chiaro?
– È assolutamente evidente, Signore.
Aquila Yò-yò fissa Gadarmon e sorride. – Cominceremo a fare pulizia dalla sua nave, comandante. È contento?
La fronte dello Xingù si copre di sudore.
– Possiamo cominciare anche subito. Andiamo!– Urla il nazisauro giunto alle spalle del malcapitato Gadarmon.
– Arrivederci, comandante, mi dia sue notizie. – Dice Aquila Yò-yò guardando allontanarsi il rettile in divisa bruna rigido come un palo e lo xingù che fatica a mettere un piede dietro l’altro.
– Bene, ora che quei due imbecilli sono andati a giocare vi farò una domanda seria. Chi ha fatto sparire Foxtrot? 



 
Tiro al bersaglio
 
Pantaleone, duca di Kroton, si osserva nella lucida superficie metallica di una paratia. Impietosa e fredda questa gli restituisce l’immagine di un tizio macilento, la faccia brunastra per la barba non fatta, i polsini della camicia di batista smangiucchiati e il colletto grigio. A rendere completo il quadro di decadenza e abiezione, gli angoli di una copia dell’ «Osservatore Robotico» trovato nelle latrine che fanno capolino sotto l’orlo della giacca abbottonata (bottone- bottone – asola vuota – bottone – spilla da balia – pezzetto di cordino).
Insomma, il nostro povero connazionale è ridotto al rango di un barbone da stazione, e i suoi modi cortesi e un po’ ruffiani si sono fatti sospettosi e furtivi.
Anche gli insulti dei marinai ultimamente hanno cambiato registro, commentando oltre alla sua scarsa pulizia anche l’evidente volontà di non lavorare e la palese tendenza al crimine.
Pantaleone ha già colto frammenti di discussione tra alcuni membri della nave, particolarmente ufficiali, dai quali traspare la convinzione che le caratteristiche ostentate da Pantaleone siano tipiche degli umanoidi del suo settore galattico e che non siano disgiunte da un certo talento canoro.
Sorpreso a canticchiare Core e’ mamma di Aurelio Berillio il Duca ha constatato che i presenti si scambiavano occhiate allusive e cenni di assenso, mentre c’era qualcuno che sorrideva, beato come un turista che ha pagato per vedere i selvaggi che ballano.
Nel corridoio transita un robot che ignora completamente il relitto umano che staziona davanti alla parete metallica.
Mentre cammina strascicando i piedi il manufatto recita una sorta di mantra formato quasi esclusivamente dalla parola “farfallina”, termine gergale tra i robot per indicare il portello ventrale caratteristico dei manufatti.
–… Apri la farfallina, la farfallina, la farfallina, ma che bella farfallina… dolce farfallina lucida e freddina… lasciami toccare la tua farfallina… – Salmodia il robot e Pantaleone sorride sinistramente come un Mandrake invecchiato e sfrattato.
L’azione di sabotaggio alla quale si dedica da giorni, fondata insieme su alcuni caposaldi della dottrina ultraciber e sull’esaltazione di un robusto appetito robosessuale, sta dando frutti molto più copiosi e rapidi del previsto.
Dottorwatson, il primo tecnico robot conquistato alla fede Cibersex, una specie di ispettore Callaghan con cicatrice sullo zigomo e volto amaro e vissuto, si è fatto a sua volta predicatore e così è stato per tutti i robot via via convertiti.
Quella sera il Duca incontrerà Des Esseintes, il capo tecnico robot della megacorazzata Potemkin e lo trarrà dalla loro parte, il giorno dopo sarà la volta del capo tecnico della Corazzata Bounty, poi di quello dell’incrociatore corazzato Aurora e così via fino a quando, ad un suo semplice segnale, tutti i robot della flotta insorgeranno vendicandolo.
La sirena dell’allarme della Katakomba tronca l’ennesima farfallina sulla bocca metallica del robot mentre le luci della nave virano ad un rosso sanguigno.
Pantaleone prima di andare a nascondersi da qualche parte sbircia la sua immagine virata carminio nella paratia e rabbrividisce delle sue sembianze da zombi sanguinolento centrato da un Tir. 


 
– ASSUMERE LA FORMAZIONE DI ATTACCO.
Intima la voce di Arn Periferiko teletrasmessa sul ponte della Katakomba.
– L’OBIETTIVO È DAVANTI A NOI, TRENTA SECONDI ALL’ACCENSIONE DELLE UNITA’ DI PROIEZIONE.–
Il Duca di Kroton si nasconde nella sua cabina e chiude la porta. 
 
I mangiasabbia stanno per scontrarsi con la flotta kerrabbia in una delle piu' grandi battaglie stellari degli ultimi decenni. I due ammiragli, una giovane promessa in piena ascesa, Arn Periferiko, ed un campione affermato e ricco di esperienza come Exilir Torrismond Qvatten stanno per misurarsi in uno scontro titanic d gli es ti q tomai inc rt 
 
Pantaleone distoglie lo sguardo dall’interno della sua giacca e smette di leggere il frammento di articolo consunto ed incompleto che la fodera.
Lui ha la bella fortuna di essere presente a quello scontro titanico e farebbe volentieri un cambio con l’autore di quello stupido articolo di un mese prima.
Rabbrividisce per il freddo e non solo.
A seccarlo particolarmente è la possibilità di morire nello spazio come un cretino, con la bocca aperta a respirare il vuoto come l’invitato di un programma tv e senza la possibilità di vedere realizzato il suo sogno di vendetta.
– ACCENSIONE UNITA’ PROIEZIONE IPERTERMICA.
La Terra é da qualche parte davanti a loro, ma Pantaleone, sepolto in una cabina del terzo ponte non può vederla e nemmeno rabbrividire alla vista delle navi Kerrabbia che scivolano fuori dallo spazio Gaalighe una dopo l’altra, illuminate come pesci abissali ed altrettanto voraci.
– PROIEZIONE!
La flotta mangiasabbia apre il fuoco e lo spazio si illumina di fasci luminosi diretti contro le forme scure ed opache della flotta mercenaria di Sirio che rispondono con altri fasci luminosi.
Sarebbe anche uno spettacolo non male da vedere: una specie di micidiale aurora boreale, altrettanto silenziosa e impressionante.
Peccato che questo non sia un film.
I computer di bordo delle due flotte calcolano quasi istantaneamente le virate e gli scarti necessari a sfuggire ai raggi ipertermici e alle batterie di siluri lanciati ad un ritmo isterico.
Se Pantaleone si trovasse sul ponte di comando della Richard Ginori potrebbe godersi lo spettacolo e vedere sotto di sè la Terra, verde-azzurra e fasciata di nubi, placida come un’anziana signora alla prima di una commedia musicale.
Poi, a un certo punto, vedrebbe una nave media della flotta kerrabbia uscire dalla formazione e lanciare un piccolo oggetto luminoso che acquista velocità avvicinandosi alla superficie della Terra.
Pochi secondi dopo potrebbe vedere la patria della specie Homo Sapiens, o meglio il frutto di anni di lavoro della Satan e Soci, vaporizzarsi in una nube luminosissima che colora di riflessi argentei i presenti sul ponte di comando dell’ammiraglia Mangiasabbia.
A quel punto Pantaleone vedrebbe Arn Periferiko bestemmiare come l’Olonese e minacciare di impiccagione il viceammiraglio Ra, Aquila Yò-yò con le orecchie adagiate sulle spalle intento a fissare il soffitto della nave bofonchiando oscure maledizioni ed il Grande Geosinclino sibilare come un amplificatore in risonanza.
Se invece Pantaleone si trovasse all’interno di una piccola nave camuffata da centro elioterapico grazie ad alcune sedie da giardino in cattivo stato e un annaffiatoio arancione, vedrebbe un individuo con eleganti baffetti biondi che si fa un bicchierino in compagnia di un tartoide, due umani, una pornodiva, un lemuroide con grossi occhiali neri e un gatto.
– Ottima la prima. – Sta dicendo.
– Temo che il simulatore di campo gravitazionale non riusciremo più a recuperarlo. – Osserva il robot-pornodiva.
– Ne abbiamo altri. – Lo rassicura il tartoide.
I due umani, un maschio ed una femmina, non dicono nulla e bevono a piccolissimi sorsi, ancora sconvolti per aver visto la Terra, sia pure in copia conforme, sparire come una pastiglia di Alka Seltzer.