22.4.12

Cremisi come un Re

Copertina di Lark's Tongues in Aspic, album dal quale NON ho preso il pezzo presentato...

Ho passato in compagnia dei King Crimson e di tutte le loro infinite e interminabili formazioni l'adolescenza, la giovinezza e gran parte dell'età matura. Ma finora non ho mai inserito un loro brano proprio perché sono talmente diversi i KC di At the Court of the Crimson King da quelli di Starless and Bible Black o da quelli di Discipline o di Beat, senza citare i KC di The ConstruKction of Light - e trascurando l'attività di Robert Fripp solista e degli altri componenti della band - che scegliere un singolo brano avrebbe rischiato di non rappresentare un gruppo tanto importante. Per me e non solo per me. 
... 
La soluzione è relativamente recente, nel senso che, esistendo tuttora una band con il nome «King Crimson», ovvero «A King Crimson ProjeKct» come nella copertina del disco A Scarcity of Miracles, ho scelto un brano da quest'ultimo brano. 
Consigliabile tenere il volume sufficientemente alto, anche per poter cogliere la raffinata e potente tecnica di Mel Collins al sax soprano. 
Strumento che ho suonato e amato.
Anche se non abbastanza riamato.


4 commenti:

Lady Simmons ha detto...

Gran pezzo.
Dei King Krimson adoro ONE TIME, strepitosa. Questa non credo di averla mai sentita, grazie!

maxciti ha detto...

@lady simmons: abbiamo qualcosa di simile nei gusti, credo. Questo pezzo fa parte di un album del 2011 e credo che sia arrivato in Italia soltanto da poco. Ovviamente si tratta dei soliti KC, qualcosa di completamente diversi da KC che conoscevamo...

Lady Simmons ha detto...

Devi sapere che "i miei gusti" sono prevalentemente rock o metal.
Ma sono soggiogata dalla musica, e non riesco a "restare in un genere", pratica che mi sembra ottusa e cieca di fronte alla bellezza di certi pezzi.
Devi sapere anche che mi commuovo per la musica che mi piace, che un pezzo è capace di emozionarmi come una bomba nello stomaco anche se lo conosco bene.
Ed uno di questi pezzi è One Time. PEr me la musica è importante, ma altrettanto il testo q euetso pezzo è poesia pura.
E' emotivo, malinconico, limpido nelle note.
Poi dai un barno mi incuriosisco e ascolto il resto...

maxciti ha detto...

@Lady Simmons: mentre ti rispondo sto ascoltando One Time, tratto da un album maltrattato dalla critica come Thrack. Un gran pezzo, costruito su un 7/8 che, come un valzer, riesce a renderlo toccante e malinconico. Ho moltissima considerazione per i KC e comunque temo di non riuscire ad avere un genere di preferenza, nel senso che posso ascoltare i Cure, Musica Barocca, Terry Wiley, Penderecki e i Pink Floyd senza effetti collaterali. In ogni caso anche per me la musica è qualcosa che colpisce a fondo, tanto che non riesco ad avere pace finché non scopro gli autori di un pezzo intrasentito che mi abbia colpito. Dei KC, comunque, ti consiglio, se non l'hai già ascoltato, l'album del quale ho scelto la copertina, «Larks Tongues in Aspic» e gli album successivi, «Red» e «Starless and Bible Black».