20.10.13

Requiem


Questa notte, intorno alle 2.00 mio padre ha cessato di vivere.
Lo so, non è cortese presentare le cose in modo tanto brutale, ma sono intontito dalle metafore, dagli eufemismi, dai pudori di tutti coloro con i quali ho parlato da non aver voglia di continuare la rappresentazione anche in privato.
Mio padre è morto innanzitutto perché aveva 86 anni, età fragile. Età alla quale basta molto poco per morire. Basta anche solo un banale raffreddore amplificatosi fino a divenire una bronchite. Ciò che l'ha portato via.
Tra me e mio padre sono rimaste troppe parole non dette. 
In qualche caso non ammesse, non confessate né dichiarate. Come molti figli maschi ero spesso disapprovato da lui e spesso a disapprovarlo ero io. 
Tutte parole vuote, ora.
Tenetevi stretto vostro padre, in ogni caso. 
La sensazione di vuoto che dà la sua assenza non ha uguali. 
...
Una musica adatta alla circostanza. Si tratta del Requiem di Mozart, nell'interpretazione di Karl Bohm e della Wiener Philarmoniker, più intensa e meditata di altre. Buon ascolto a tutti.
 
 

9 commenti:

Salomon Xeno ha detto...

Questa è proprio una brutta notizia. Condoglianze... e anche un abbraccio, che non fa mai male.

Marcella Andreini ha detto...

Un abbraccio fortissimo Max.

Iguana Jo ha detto...

Mi dispiace Massimo.
Un abbraccio.

Nick Parisi. ha detto...

Condoglianze! Se hai bisogno, anche solo per parlare sono qui.

cily ha detto...

Quando ho letto il titolo del post mi è venuto un brivido.
Speravo tanto di non leggere quello che invece c'è scritto...
Mi dispiace tanto.
Pensa che ieri sono stata al funerale del padre di una mia carissima amica e mi sono tornate in mente delle cose che avevi scritto in proposito.
Mio padre è piuttosto malato e purtroppo non arriverà a 86 anni.
Pensa che sei stato davvero fortunato ad averlo vicino per così tanto tempo.
Un abbraccio grandissimo!

Massimo Citi ha detto...

@Tutti: vi ringrazio profondamente tutti. In internet ho trovato non soltanto un piccolo pubblico per le mie personali vanità ma soprattutto diversi amici. Questo è un bene davvero raro. Vi abbraccio tutti e sappiate che in caso di necessità ci sono e ci sarò.

Eddy M. ha detto...

Scusa il ritardo. Ti sono vicino. E ti capisco.

marco ha detto...

Mi dispiace molto. Anch'io ti faccio le mie condoglianze.

Romina Tamerici ha detto...

Arrivo con un imperdonabile ritardo... ma mi unisco comunque alle condoglianze e all'abbraccio.