14.2.13

This is my Boomstick Award


Boomstick Award. Un premio del quale ignoravo anche l'esistenza ma che mi è stato attribuito da Nick Parisi, "tenutario" dell'ottimo blog Nocturnia con la motivazione: 

MaxCiti sa scrivere meravigliosamente bene, sia nel caso si cimenti con la saggistica sia con la scrittura di racconti.

Una motivazione, detto per inciso, che avrebbe fatto la felicità della mia prof di italiano delle superiori...

In ogni caso sto scrivendo a fatica, esitando, con frequenti correzioni... Cribbio, non mi era mai accaduto che qualcuno dichiarasse coram populo che scrivo "meravigliosamente bene" e quindi eccomi qui, preda di un incontrollabile morbo bilaterale e di un terrificante SuperIo che boccia sistematicamente qualsiasi parola allinei.
«Tranquillo, io poi me ne vado. E comunque passa».


 Giusto, giusto. 
Passo quindi alle ferrigne regole che regolano l'assegnazione del premio, alle quali, vigliaccamente, mi adeguerò senza nessuna rimostranza: 

Regola n° 1: i premiati sono 7, non uno di più ne uno di meno. E nessuna menzione d'onore.

Regola n° 2: il post in cui viene presentato il premio non deve contenere giustificazioni di sorta dedicate agli esclusi.

Regola n° 3: I premi vanno motivati. Niente di estroso, ne lavori da dottorato. Solo un pretesto con cui far valere la nomination.

Avvertenza: ai sublimi vincitori andrà la gloria di poter vantarsi con il banner creato da Hell in persona.
Tutti fortunati potranno citare altri 7 blogger (ma non è obbligatorio farlo) seguendo le regole sopracitate. 

E quindi, come da istruzioni ricevute, passo alla consegna del premio a mio insindacabilissimo giudizio. Ah, la sensazione del potere...

Non scrive moltissimo, Vittorio, e questo è indiscutibilmente un pregio. Quel poco merita sistematicamente una visita, qualche minuto di riflessione e un commento. Narrativa, saggistica, brevi interventi, nulla che non sia perlomeno interessante. 

Vecchia volpe & giovanissima carnivora, merita leggere i post di Consolata - in genere recensioni librarie, più raramente brevi racconti - per assaporarne i diversi livelli di lettura e di interpretazione. Il tutto con un uno stile assai poco formale. 

Segnalo qui il suo blog dedicato alla fantascienza, ma sottolineo volentieri che da questo potete muovervi verso il suo blog dedicato ai fumetti o quello sulla narrativa mainstream. Lento, ponderato, mai superficiale, attentissimo, acuto... più o meno quello che mi piacerebbe  essere senza peraltro riuscirci. 

La scienza resa comprensibile per chi ne ha davvero bisogno. Più o meno un post al mese ma dannatamente informato, ben costruito, allegro e vivace anche se i temi sono talvolta più o meno disperanti. 

Ecco un blog che non posso fare a meno di andare a leggere quotidianamente, ogni volta incuriosito da un tema o da un argomento inatteso, curioso, stimolante. Vai così, Marcella

Un interessante soggetto con il quale almeno una volta su tre non sono d'accordo. Su un libro, su un film, sullo sport (che sostanzialmente ignoro) e così via. Ma non essere d'accordo con Iguana è una soddisfazione particolare, che mi fa sentire vivo, aperto e disponibile. Quindi mi auguro di poter continuare a trovare elementi di contrasto con lui. 

Riflessioni, brevi racconti e un ciclo narrativo in fieri condotto con la felice serietà di un copista delle sacre scritture o di un vecchio narratore beduino. Poi ognuno potrà criticare quanto gli pare - io compreso - ma non toglietemi Kassir.


Basta, terminato. 
E non posso negare una punta di dispiacere. Avrei aggiunto... 
No! 
Mai! 
Non farlo! 
NON DIRLO!  
Niente "giustificazioni di sorta...", niente di niente!
Sorry, come non detto. Questi sono i miei sette e gli altri si arrangino. Va bene così?
Bah, più o meno. Insomma, devi ignorare gli esclusi. Fare come se non esistessero. Annullarli. 
Ma è questo lo scopo del premio?
Ma no, ma chi l'ha detto? Diomio, alle volte sei così, così... semplice...  
Ehi, vacci piano.
Perché altrimenti? Che fai mi banni 
Eh, eh, eh, come Fini e Berlusconi... 
Aaaaahhhh!
  
  
   

14 commenti:

Marcella Andreini ha detto...

Grazie Max! Mi fa piacere essere nella tua routine quotidiana (non puoi immaginare come ne è felice, beh felice, sai com'è fatto lui... diciamo contento, Lucio Lieto!) Ah, ah!!

Maxciti ha detto...

@Marcella: sì, ho un'idea di come la vede lui, ma va bene così. Ma non si monti la testa, per carità: un deluso, in fondo, non va incontro a delusioni.

Nick Parisi. ha detto...

Bene bene, te la sei cavata alla grande! Certo stavi per cadere in un eccesso di buonismo finale ma sei riuscito a sconfiggere il tuo superio salvando il premio finale.
Bravo, ben fatto. ;)

Maxciti ha detto...

@Nick: non è stato facile, maledizione. Sono facile al buonismo di veltroniana memoria e soltanto quella carogna del mio SuperIo riesce in genere a salvarmi. Certo che se non ci fossero certi brutti ceffi a mettermi in questa situazione...

consolata ha detto...

Ehi Max! grazie stragrazie per il premio immeritato e per le belle parole! sono felicissima di essermi guadagnata un tale onore! Oltre tutto sono in una compagnia davvero illustre e qualificata. La maggior parte degli altri blog li conosco già, ma corro a leggere quelli che scopro per merito tuo.
Ti abbraccio gratissima per la sorpresa molto piacevole.

Maxciti ha detto...

@Consolata: è stato davvero un piacere poter rendere noto al popolo la mia passione per te : )
Sono contento che la mia scelta ti interessi: credo che siano ognuno a suo modo blog davvero interessanti. Un bacino e a presto!

S_3ves ha detto...

Ciao, grazie del premio; è bello cercare di rendere la scienza più friendly e quindi anche un pochino meno difficile da controllare. Detto questo: acc. ti sei "ingoiato" sei blog niente male, ora mi tocca spremermi il cervello per incastrare altri sette onorevoli vincitori.

Maxciti ha detto...

@S_3ves: già, il controllo della scienza, proprio ciò di cui negli ultimi anni ci siamo dimenticati, limitandoci a starnazzare: "Not in my backdoor". Bisognerebbe dare un premio particolare a quelli come te.

Romina Tamerici ha detto...

E questo premio e ancora in circolazione... sono duri a morire i meme!
Devo rispondere anch'io, appena riesco.

Salomon Xeno ha detto...

Mi fischiavano le orecchie... (e 2)
Grazie e complimenti per come te la sei cavata. Il boomstick è più difficile degli altri, anche se perlomeno non ci sono domande! :D

Maxciti ha detto...

@Romina: vero, arrivano come le meteore sugli Urali... Un abbraccio e alla prossima!

Maxciti ha detto...

@SX: in effetti mi chiedevo dove fossi finito. Tu trovi che questo sia difficile? Beh, quello con 11 domande, 11 risposte e 11 appelli ai tirati in ballo mi ha fatto perdere moooolto più tempo, in fondo a scrivere rece sono abbastanza allenato : )

vikkor ha detto...

Ciao, Max! Grazie per questa gentile graditissima inattesa sorpresa. Ma allora, c'è davvero qualcuno che ogni tanto mi legge :-)

Maxciti ha detto...

@Vikkor: sì, ti leggo anche se, onestamente, non sempre so bene che cosa scrivere come commento. Il più delle volte i tuoi interventi sono tanto ampi e "ambiziosi" che per risponderti degnamente bisognerebbe scrivere un contro-post piuttosto che un commento. In ogni caso posso confermarti che ti leggo e sono ben contento di farlo.