9.9.12

S.O.A D.

 
System of a Down, nell'improbabile caso non aveste mai sentito parlare di loro, è il nome di una band armeno-californiana che mi è sostanzialmente impossibile ascoltare in casa senza l'utilizzo di cuffie e che mi è altrettanto impossibile ascoltare facendo qualcos'altro.
"Sentire" i SOAD è impossibile: li si deve ascoltare, riascoltare, accompagnare con qualche movimento del corpo, smorfia, movenza, moto inatteso dei muscoli del viso. 
Non li ascolto troppo spesso proprio per questo motivo. Mi richiedono un'attenzione polarizzata e monomaniaca della quale raramente dispongo. 
...
A un primo ascolto li si inserirebbe senza discussioni nella categoria «Heavy Metal». Se si è un pochino più scafati li si potrà definire un gruppo «Alternative Metal» o «Nu Metal» o «Prog Rock», con tutto ciò lasciando comunque fuori le caratteristiche del tutto uniche del gruppo. La quantità di riferimenti - vocali e strumentali - alla tradizione musicale armena [1] e mediorientale, la ricchezza e la varietà degli strumenti utilizzati, la voce maledettamente abile e dannatamente suggestiva di Serj Tankian[2], il ventaglio inconcepibile di riferimenti musicali nell'ambito del Prog Rock come all'esterno di esso, nel mondo del classico e del tradizionale. 
Qui presento un brano relativamente "calmo" anche per non obbligarvi a indossare le cuffie. Buon ascolto a tutti.    




1] i membri dei System of a Down sono: Serj Tankian, Daron Malakian, Shavo Odadjian e John Dolmayan. Tutti e quattro discendono dai superstiti del genocidio armeno del 1915, di cui parlano in molte canzoni.
2] Il cantante dei SOAD - come gli altri membri del gruppo - insieme Toni Morello ex-Rage against the Machine, è fondatore, membro attivo e militante di un'organizzazione attivista politica no-profit chiamata Axis of Justice.


4 commenti:

Salomon Xeno ha detto...

Io non li ascolto moltissimo, ma hanno senza dubbio un approccio originale alla musica. Le radici armene si sentono molto nei testi, ma anche nella musica. Serj Tankian, poi, è un artista che ammiro molto e l'ho apprezzato anche nel suo disco solista.
Mi sembra di ricordare che all'epora coniarono il termine "cross-over" per definire il loro genere. Ma già si andavano formando le file del cosiddetto Nu Metal, così gli appiopparono anche questa etichetta.

Maxciti ha detto...

@Salomon Xeno: una definizione sintetica della musica dei SOAD è praticamente impossibile. Cross-over mi sembra una definizione un po' meno generica delle altre, ma comunque credo che l'unico sistema per uscire dal labirinto delle sigle e dei nomi sia quello di ascoltarli : )

Nick Parisi. ha detto...

Tra parentesi è da ricordare che una canzone di Serj Tankian è stata utilizzata come sigla della sfortunata serie televisiva horror FEAR ITSELF.

Maxciti ha detto...

@Nick: mi fai paura, davvero. Io non sapevo neppure dell'esistenza di questa serie TV che, immagino, non sia mai uscita in Italia. A mio parziale discarico ammetto - a differenza di mia moglie - di non seguire con troppa attenzione l'horror.